Come acquistare un diamante senza fregature e rivenderlo con profitto

Report o certificato sui diamanti? Cosa è importante sapere

HRD , uno dei principali Istituti Gemmologici che rilasciano i certificati dei diamanti, ha lanciato recentemente (13 settembre 2016) un nuovo formato della sua certificazione. Le modifiche sono puramente formali, oltre all’inserimento di elementi (ologrammi e microstringhe) che garantiscono maggiore sicurezza e l’autenticità del certificato.  Non cambia quindi nella sostanza il contenuto del documento.

certificati diamanti hrd

C’è però una piccola modifica, che può sembrare banale e ininfluente, ma che ha invece un notevole significato. Il titolo del documento infatti non sarà più ‘Certificate’  ma  ‘Diamond Grading Report’.

E’ un tema che ho affrontato anche nella guida Investire in Diamanti dove più volte ho richiamato il termine “report” piuttosto che “certificato”. La valutazione di un laboratorio gemmologico non è infatti un certificato nel senso letterale del termine. E’ il settore della produzione e distribuzione dei gioielli che ha iniziato ad utilizzare e abusare di questo termine riferendosi alle valutazioni gemmologiche.

GIA, il più noto e rinomato Istituto Gemmologico, dichiara chiaramente di non certificare nulla. Il termine “certificato” infatti ingenera una falsa sicurezza, fa pensare ad una garanzia. Ma come precisato proprio da GIA “Questo report non è una garanzia o una stima”. I laboratori non garantiscono nulla perché se qualcosa va male, non si assumono responsabilità. Un report gemmologico rappresenta semplicemente una descrizione sintetica ed un’opinione del valutatore in un determinato periodo.

Un documento comunque sicuramente importante, anzi fondamentale in quanto rappresenta la carta di identità del diamante che contiene tutti i parametri qualitativi (purezza, colore, taglio e peso) ed identificativi della pietra che concorrono a determinarne il prezzo in qualsiasi momento.

La verità sui certificati

Considera quindi questi report come una semplice attestazione delle principali caratteristiche della pietra utili per determinarne il valore e soprattutto per commercializzarla. Non come una garanzia.

Certo il certificato ti tutela dai falsi e dai diamanti trattati.  Non c’è mai la sicurezza al 100% ma possiamo dire che la valutazione di un laboratorio è in grado al 99,9% di scoprire eventuali trattamenti, eccetto per il baking (cottura) dove la possibilità scende a poco sopra il 99%. Inoltre la valutazione è in grado di determinare se un diamante colorato (fancy color) è naturale o no (eccetto per quelli verdi).  Il certificato gemmologico non aumenta il valore della pietra ma tutela il consumatore poiché conferma l’autenticità e le caratteristiche specifiche della pietra.

 

I certificati sono tutti uguali?

E’ importante sapere che non tutti i certificati sono uguali. Di fatto esistono dei criteri guida ma non esiste un rigido standard internazionale per la valutazione, perciò ogni laboratorio segue i propri criteri. E’ normale quindi che un diamante possa ricevere valutazioni diverse in base alla casa di certificazione ed è già successo che lo stesso laboratorio stimasse diversamente la medesima pietra. Del resto la valutazione, per quanto possa essere governata da processi rigidi e rigorosi ed eseguita con il supporto di speciali apparecchiature, risente di una certa soggettività delle persone che l’effettuano.

Alcuni laboratori gemmologici sono riconosciuti come più severi nella valutazione, altri più generosi. Queste differenze nei criteri di valutazione sono ben note nel settore e spesso sfruttate a svantaggio dell’acquirente finale. Non è un caso che la maggioranza dei diamanti che potrai trovare in una gioielleria o da un dettagliante abbiano certificazione degli Istituti Gemmologici più generosi.

Il mercato conosce e quindi prezza differentemente lo stesso diamante (ovviamente equivalente per caratteristiche principali, non esistendo due diamanti perfettamente uguali) in base al laboratorio di certificazione. Ma se compri al dettaglio questa differenza non ti verrà ovviamente spiegata.

Nella guida Investire in Diamanti ti verranno spiegate queste differenze e altri trucchi che potrai sfruttare per fare il miglior investimento quando acquisterai i tuoi diamanti.

Opt In Image
Gratis la miniguida Investire in Diamanti
Iscriviti e ricevila in omaggio. Ebook di 30 pagine

Lascia un commento

Prossimo

Precedente