Come acquistare un diamante senza fregature e rivenderlo con profitto

L’investimento in diamanti come protezione del patrimonio

beni rifugioI diamanti sono considerati un bene rifugio per antonomasia. Ma cosa significa bene rifugio? E occorre veramente investire in beni rifugio?

Per la prima domanda mi affido a Wikipedia che definisce bene rifugio:

Un bene rifugio è un bene che ha un valore intrinseco, “reale” e che tende a non perdere valore a seguito di un incremento del livello generale dei prezzi.

Trovo la definizione ottima e chiara. Ma approfondiamola per capirla fino in fondo. Per proteggere i tuoi risparmi ci sono tanti metodi (e dovresti usarne più di uno), ma c’è un principio fondamentale che devi considerare: la moneta perde il suo potere d’acquisto con il tempo.

C’è l’aumento dei prezzi, vale a dire l’inflazione, concetto che ormai tutti conoscono. In condizioni economiche normali l’inflazione è di circa il 2% o 3%. Il 2% è l’obiettivo che si pone la Bce in questo momento. Stiamo infatti uscendo da un’inflazione che ha toccato i minimi storici per tornare ai livelli normali. E occorre poi ricordare sempre il rischio (forte per un paese come l’Italia che importa tutte le materie prime) di un’inflazione ben più alta. Teniamo poi conto che, considerando anche la svalutazione monetaria, la perdita del potere di acquisto è molto superiore al 2% o 3% annuo. In termini pratici quindi ogni anno con gli stessi soldi puoi comprare meno cose.

E’ possibile proteggersi da questo fenomeno di svalutazione della moneta investendo in beni che hanno un valore intrinseco  proprio (come oro, argento, diamanti …), i beni rifugio appunto. Quei beni per cui “Il prezzo cambia, ma il valore rimane uguale nel tempo”.

Protezione da tasse e crisi economiche

Un investimento in un bene rifugio non ha scopo speculativo, bensì di protezione da un periodo di crisi economica (e finanziaria) o da un periodo di forte instabilità dei prezzi.

Ancora Wikipedia ci aiuta a capire un altro concetto collegato a quanto abbiamo scritto finora. Non si investe in beni rifugio per speculare, per guadagnare nel breve. Ma per salvaguardare il valore reale dei propri risparmi nel lungo periodo.

investimento sicuro diamantiE per proteggersi non solo dalla perdita del valore d’acquisto (instabilità dei prezzi). Ma anche da crisi economiche o finanziarie e, aggiungo io, dalle tasse che ne derivano. In Italia infatti sappiamo fin troppo bene che ad ogni crisi nasce una nuova tassa: la patrimoniale sulla casa (Imu, Ici), la patrimoniale sugli investimenti finanziari (il bollo dello 0,20% sul dossier titoli), le una tantum con prelievo in conto corrente …

In Italia viviamo un periodo sospeso, in cui le cose non migliorano ma non ce ne rendiamo conto perché abbiamo ancora l’ombrello protettivo della BCE. Ma il Quantitative Easing della BCE è ormai in scadenza e con l’inflazione che sta tornando ai suoi valori normali (in Europa è già all’1,8%, praticamente ha già raggiunto l’obiettivo della politica monetaria) i nodi torneranno al pettine.

Quali nodi? Se si analizzano i dati, si vede come oggi la situazione italiana sia persino peggiore rispetto a qualche anno fa: Pil, debito pubblico, disoccupazione etc. sono tutti peggiori del 2011, l’anno dello spread ai massimi.

Come rilevato dalla  Commissione Europea:

“Anche l’anno prossimo la crescita economica dell’Italia rischia di essere la più bassa di tutta l’Unione europea, mentre il Paese continua ad arrancare, oberato da un debito pubblico sempre elevatissimo, secondo le ultime previsioni della Commissione europea. Non c’è altro Paese in Europa che cresca in modo debole quanto l’Italia”

Il Sole 24 Ore così riassume i dati:

“L’esecutivo comunitario pubblica cifre deprimenti sull’andamento dei conti pubblici, pur al netto della prossima Finanziaria. A bocce ferme, il deficit pubblico dovrebbe salire dal 2,2% del prodotto interno lordo nel 2017 al 2,3% nel 2018. L’andamento del disavanzo strutturale è il dato più allarmante, perché nei fatti rivela il ritardo italiano nel risanare i conti statali”

Sotto una calma apparente si nasconde una tensione profonda e il rischio, come rilevato da tutti gli osservatori finanziari, è a Roma: debito pubblico senza controllo, bassa crescita economica, ripresa dell’inflazione, fine del sostegno ai titoli di stato da parte della Bce.

E a tutto questo si somma il fattore politico, per usare le parole di Standar&Poor’s:

“l’incertezza politica legata all’esito delle prossime elezioni politiche potrebbe pesare sulla performance economica e sulle condizioni finanziarie”.

Nonostante l’attenzione sulle elezioni presidenziali francesi, il risultato era in realtà scontato. In Italia invece la situazione è ben diversa. Il rischio di instabilità politica, di difficoltà a formare un governo è altissimo. Ma soprattutto il rischio che il prossimo governo non abbia la forza di fronteggiare le sfide che il paese dovrà affrontare con il ritorno alla normalità, vale a dire la fine degli interventi della BCE.

Riportando una nota citazione “Quando tutto va male, restano i beni rifugio”. Per questo è opportuno, seguendo le consuete regole della diversificazione, avere una quota del tuo portafoglio finanziario investito in questi beni. I diamanti hanno dei vantaggi esclusivi visto che, anche a differenza dell’oro, non sono considerati come strumenti finanziari:

  • è un investimento esentasse, non si paga imposta di bollo o capital gain sulle plusvalenze o tassa di successione
  • ti consente di mantenere l’anonimato: non c’è nulla di segnato in banca o su qualche registro
  • è facilmente trasportabile e può passare di mano in mano senza lasciare tracce al Fisco, ai creditori o agli eredi

Sono quindi un bene rifugio per antonomasia: proteggono da inflazione, crisi economiche, patrimoniali e tasse, creditori.

Prima di acquistare diamanti è però opportuno conoscere alcuni concetti chiave. Oltre a sapere dove è meglio acquistarli. Tutti concetti che imparerai facilmente leggendo la guida.

Investire Diamanti
Your Email Address:
Opt In Image
Gratis la miniguida Investire in Diamanti
Iscriviti e ricevila in omaggio. Ebook di 30 pagine
  • Il problema è poi a chi cederli …

    Reply
  • vero, ma se si acquista a prezzi ragionevoli è già molto più facile. Se si acquista da intermediari seri che offrono la possibilità di riacquisto o rivendita, ancora di più.

    Reply

Lascia un commento

Precedente